Immediate Surroundings

Tommaso Bonaventura, Alessandro Imbriaco, Fabio Severo

Immediate Surroundings è una documentazione fotografica dei luoghi di residenza di membri di organizzazioni mafiose passate e presenti: le strade e gli edifici dei quartieri in cui hanno vissuto o tuttora vivono, le viste dalle loro abitazioni confiscate negli anni. La diversità di luoghi mostra l’evoluzione delle pratiche dei gruppi criminali, come muta il territorio e il tessuto produttivo che hanno colonizzato, e rivela quanto scelgano di mostrarsi o di nascondersi nell’anonimato. Immediate Surroundings nasce da Corpi di Reato, un progetto sulle diverse manifestazioni dell’agire mafioso lungo il territorio italiano, un potere spesso esercitato in un’assoluta invisibilità. Utilizzare la fotografia per comprendere la diffusione delle mafie in Italia rappresenta il tentativo di esplorare la zona grigia in cui queste prosperano, infiltrate nella società civile e nel tessuto economico, nascoste dietro l’apparente normalità dei luoghi.

 

 

TOMMASO BONAVENTURA. Si dedica alla fotografia dal 1992. Suoi lavori sono apparsi sulle maggiori testate internazionali e hanno ricevuto diversi premi tra i quali World Press Photo, Sony Award, Premio Ponchielli. Nel 2005 pubblica “Le vie della fede” dedicato ai grandi pellegrinaggi del cristianesimo in Europa. Dal 2006 vive in Cina per alcuni anni, producendo diversi progetti tra cui “Beijing in and out”, “Real Woman Photo Shop” e “If I Were Mao”. Suoi lavori sono esposti in diversi festival e musei tra cui Paris Photo, PAC, NoorDeerlicht Photofestival, Zephir, Triennale Bovisa. Nel 2017 invitato a Fotografia Europea espone il progetto Fondo.

ALESSANDRO IMBRIACO. Lavora da anni su diversi progetti di documentazione dell’Italia contemporanea. Ha ricevuto diversi riconoscimenti internazionali: Premio Atlante ItalianoMAXXI (2007), premio Canon (2008), World Press Photo (2010), Premio Pesaresi (2011), Premio Ponchielli (2012), European Publishers Award for Photography (2012). Viene selezionato nel 2011 per il Talent di Foam e per il Joop Swart Masterclass del World Press Photo. Suoi lavori sono conservati dall’Archivio della Biennale di Venezia, dal FOAM – Photography Museum Amsterdam e dal MAXXI, Museo nazionale delle Arti del XXI secolo di Roma. Suoi libri sono stati pubblicati in Italia, Inghilterra, Francia, Germania e Spagna.

                                                                                                                                                         

FABIO SEVERO. Giornalista, scrive di fotografia e cultura visiva su diverse riviste tra cui IL MagazineIl Sole 24 Ore, pagina99, Rivista Studio, Il Tascabile, Internazionale, e ha curato il blog di fotografia contemporanea Hippolyte Bayard.