Seminario

Promuovere la fotografia contemporanea attraverso i libri.

L’esperienza di Micamera: 2003-2018

© Gus Powell

Il libro è la forma privilegiata di espressione di un autore che usa la fotografia.

Micamera decide di aprire una libreria specializzata nel 2003 e nel 2004 Martin Parr presenta ad Arles il primo volume del Photobook – A history (ed Phaidon, di Martin Parr e Gerry Badger), decretando, se mai fosse stato necessario, l’importanza assoluta dell’oggetto libro. Nasce con quella pubblicazione un nuovo mercato del collezionismo e viene contemporaneamente sdoganato un nuovo senso del libro, che può usare la forma della fotografia decontestualizzata dall’oggetto d’arte: della selezione di Parr fa parte, per esempio, un libro sul pane del 1903 (‘The book of bread’ di Owen Simmons).

Seguono anni di grande fermento e la spinta è tanto forte che nel 2010, quando Bruno Ceschel fonda Self Publish Be Happy, la rivoluzione è già in atto. Nascono ogni giorno nuove case editrici (più o meno solide) e l’autoproduzione diventa una modalità di espressione creativa corrente che mina la pratica editoriale delle case editrici tradizionali. Sono anni di grande sperimentazione e fermento. Un vento di libertà e autodeterminazione che si scontra, nel giro di qualche anno, con la realtà di un mercato che si stanca presto e dopo qualche anno non riesce più ad assorbire l’enorme quantità di nuovi titoli prodotti.

Si arriva così alla nuova crisi del mercato, scompaiono molti editori, chiudono le librerie. Arrivano i tempi della politica aggressiva di Amazon (che sbarca in Italia nel novembre 2010) e il mercato diventa selvaggio.

Negli ultimi quindici anni, Micamera ha continuato a trasformarsi, adeguandosi di volta in volta allo scenario e lavorando per la diffusione della fotografia contemporanea in Italia attraverso i libri e promuovendo la fotografia italiana all’estero.

In questo seminario Giulia Zorzi racconta l’esperienza di una libreria specializzata in fotografia e del panorama editoriale, portando alcuni degli esempi più rilevanti di questi anni e parlando di produzione, distribuzione e promozione.

Micamera è stata fondata a Milano da Giulia Zorzi e Flavio Franzoni il 6 novembre del 2003.

Giulia Zorzi – Milano, 1972

Contemporaneamente agli studi classici e a due lauree lavora in ambito musicale (prima gestendo il catering e poi come responsabile organizzativa del Festival Aterforum a Ferrara) e come interprete per diversi anni. Nel 2000 incontra Flavio Franzoni e nel 2003 apre Micamera, di cui si occupa da allora.