Claudia Corrent (Italia)
‘Per te, per ricordarti spesso’

“Questo lavoro è il risultato di una ricerca con immagini di archivio, con il quale ho indagato il senso delle varie identità private e collettive. Le foto narrano della mia storia familiare, dove è presente mia nonna, mia madre e mia zia, ma parlano anche di Doris e Mirta, donne nate e cresciute negli anni ‘20 e ’40 che non ho conosciuto. Ho deciso di unificare le diverse storie creando nuove immagini, destrutturando le foto del passato, fondendole con paesaggi moderni e nuovi scenari, giocando con il significato della memoria”.

This work is the result of research with archive images. I investigated the meaning of various private and collective identities. The photos tell of my family history: my grandmother, my mother, and my aunt are present, but also Doris and Mirta, women born and raised in the 1920s and 1940s and that I did not know. I decided to unify the different stories by creating new images, deconstructing the photos of the past, merging them with modern landscapes and new scenarios, playing with the meaning of memory.