Sabato 27 luglio

ore 22.00 – Auditorium San Vincenzo Ferreri
Entrata libera

Il trailer  

Il documentario scompone il percorso umano della rappresentazione della propria visione del mondo, del tempo e della vita attraverso le immagini. Si mettono a segno gli aspetti più significativi dello strumento dell’immagine attraverso l’esperienza e le opere degli uomini che hanno tracciato le fondamenta del linguaggio della fotografia e delle sue evoluzioni.
Cosa differenzia un autore piuttosto che un altro? Come la fotografia può aiutare in ambito terapeutico? Quali realtà può cogliere un’immagine? Cos’è un ritratto? Quali sono le differenze e le conseguenze tra l’uso della fotografia di ieri e l’abuso di oggi? Il documentario attraversa rapidamente le condizioni che hanno avviato i cambiamenti, cercando di individuare i principi che stabiliscono la fondamentale distinzione tra fotografia intesa come estensione del linguaggio verbale e quella concettuale.
È un tentativo di definire l’identikit del fotografo del futuro e come la fotografia cambia pelle continuamente.

Piero Sabatino nasce a Ragusa e vive a Catania. Si appassiona di fotografia da molto ma dopo qualche anno si addentra nel campo della ripresa e del montaggio video. Collabora in svariati progetti spaziando dal documentario alla produzione televisiva, ai videoclip musicali, cortometraggi, spot. Si evolve come autore e regista realizzando alcune opere come “Sciatu”, “Violazioni morali”, “Tratto da una storia vera”.