Sicilia Iblea

Nel cuore del Mediterraneo, a 50 km da Tunisi, tra i monti Iblei e le immense geometrie create dai muretti a secco, si trova la città di Ragusa, gioiello barocco e ritrovo di tanti turisti. Faceva parte della contea di Modica, era un feudo sotto la corona spagnola che per la sua ricchezza era considerato un regno nel regno.
Nel 1693 il terremoto più catastrofico della storia sismica italiana devasta tutto il territorio ma diventa un’occasione per rilanciare ancora una volta la sua bellezza.
Quella parte di Sicilia reagì con ingegno e sudore, e nel giro di un secolo sono sorti edifici e palazzi in grande stile tardo barocco, resi possibili dalla duttilità della  pietra calcarea  locale bianca, lavorata con il gusto della narrazione teatrale dei mastri scalpellini e dei maestri architetti.