Edizioni Precedenti

2019

Intersezioni

Intersezioni

Curatore
Steve Bisson

Direzione Esecutiva
Stefania Paxhia

Mostre
Ferdinando Scianna, Cento Fotografie dedicate alla famiglia
Sam Harris, The Middle of Somewhere
David Chancellor, Handle Like Eggs
Yvonne De Rosa, Hidden Identities
Lisa De Boeck & Marilene Coolens, Memymom
Julia Kater, What Where
Daniel Coburn, The Hereditary State
Emilia R. Pizzonia, The Body of Jane (Premio Portfolio 2018)

Mostre Collettive
LESSICO FAMILIARE
percorso esplorativo sulla pluralità di definizioni di famiglia selezionati. Progetti selezionati in collaborazione con Urbanautica Institute:
Angelo Anzalone, Die Zeit
Claudia Corrent, Per te, per ricordarti spesso
Alessandra Dragoni, Stato di famiglie
Nicola Di Giorgio, Indefinito Spazio
Loulou d’Aki, Mother of Choice (Svezia)
Paola Fiorini, Do ut Des
Raquel Bravo Iglesias, Berocoan (Spagna)
Mascha Joustra, My sweet little phenotype (Olanda)
Kovi Konowiecki, Delivering Flowers to Grandpa Jack (Stati Uniti)
Laura Lafon, Je ne veux plus vous voir (mais c’est provisoire) (Francia)
Paolo Mazzo, Le case Olivetti di Ivrea
Lorena Morin, Je rest avev vous (Spagna)
Sina Niemeye, für mich (Germania)
Misha Pipercic, Once When We Were Happy (Bosnia)
John David Richardson, Someday I’ll Find the Sun (Stati Uniti)
Enrico Sisti, Sugar for my cup of coffee
Merve Terzi, It flies, invisible (Turchia)
Emily Wiethorn, Love You More (Stati Uniti)
Fulvia Bernacca, Sereno omaggio a Edmondo Bernacca

SPAESAMENTO DIGITALE
progetto collettivo di ricognizione sulle geografie possibili del linguaggio visuale per ragionare sull’impiego macroscopico delle immagini e i conseguenti impatti nella società, con i seguenti progetti:
Andrea Buzzichelli, Resurrection
Stefano Parrini, Fail
Giovanni Presutti, The Era of Beyond Truth
Eric Souther, Search Engine Vision Christ (Stati Uniti)

Proiezione
Piero Sabatino, La Pelle della Bellezza

Critici e Lettori
Alessandra Capodacqua
Yvonne De Rosa
Donata Pizzi
Carlo Bevilacqua
Sam Harris

Premio Portfolio
Alessandro Scattolini
Daniele Vita
Francesco di Robilant e Anna La Rosa

2018

Rotte di Collisione

Rotte di Collisione

Cum-ledere, ovvero lo scontro e il conseguente danneggiamento di due elementi. Con un ruolo di primo piano nel contesto del Mediterraneo, per secoli la Sicilia è stata perno e centro di traffici, migrazioni e conflitti. E proprio al tema del conflitto che si volge lo sguardo per affrontare la questione della violenza e dello scontro, delle ferite e delle lacerazioni prodotti sul tessuto sociale e culturale, cicatrici e tracce inflitte ad un territorio. Lontano dallo shock e dalla spettacolarizzazione del tema, l'intento è di promuovere un ricordo consapevole, capace di affrontare traumi e rimozioni collettive, per generare nuova memoria, e con essa nuova luce, in direzione di un'unità, un tutto che consideri ricchezza la diversità delle parti che lo compongono. Che il sole della Sicilia non accechi e non bruci le ali di Icaro, ma torni ad essere luce che illumina e disinfetta.

Curatori
Paola Binante
Marcelo Cabrera
Alessandro Carrer

Mostre
Laia Abril, Lobis Muller
Tommaso Bonaventura, Alessandro Imbriaco, Fabio Severo, Immediate Surrondings
Pavlos Fisakis, Nea Helvetia
Donata Pizzi, Zero Intolerance
Sandra Vitaljić, Infertile grounds
Pasqua Vorgia, Depression Era Collective (Proiezione)

Mostre Collettive
Spazio Fotocopia a cura di Magazzini Fotografici
Territori di formazione, collettiva giovani talenti, Scuole: Isia, Aba Ct, BO e Brera

Critici e Lettori
Paola Binante
Yvonne De Rosa
Pavlos Fisakis
Pasqua Vorgia

Premio Portfolio
Emilia R. Pizzonia
Salvo Alibrio (Menzione)

Workshop
curated by Mario Cresci

2017

La Metamorfosi del Territorio

La Metamorfosi del Territorio

La sesta edizione volge lo sguardo oltre il Mediterraneo per dedicarsi alle metamorfosi dei territori del pianeta provocate da comportamenti che mettono quotidianamente in pericolo anche l’umanità. Sebbene i contorni del problema siano noti, solo negli ultimi anni sta maturando una sensibilità più acuta rispetto alla necessità di una vera alleanza tra l’uomo e l’ambiente. In questo scenario la comunicazione visiva assume un ruolo centrale per denunciare i disastrosi effetti dei cambiamenti climatici e degli stili di vita contemporanei nel mondo, non solo nella dimensione del consumo delle risorse ma anche dei diritti umani, del sapere e del poter fare. I progetti esposti mostrano quello che si sta già verificando ponendo l’accento sull’urgenza di intervenire prima possibile.

Curatori
Marcelo Cabrera
Fabio Florio
Roselena Ramistella

Mostre
Andrea Alessio, Un Natural Bestiary
Peter Bauza, Copacabana Palace
Guia Besana, Poison
Francesco Zizola, The dark side of the (honey) moon

Mostre Collettive
Climate Smart Evolution, mostra di apertura della Cop 21, Parigi 2015
curata da Hossein Farmani fondatore della Lucie Foundation
Territori di formazione, collettiva delle scuole Isia, Aba Ct, BO
Autori: Piergiorgio Sorgetti, Mattia Parodi, Caterina Iiriti, Vanessa Lucchetti, Andrea Lopetrone, Igor Londero

Critici e Lettori
Paola Binante
Enrico Bossan
Benedetta Donato
Paolo Verzone

Premio Portfolio
Giuseppe Iannello, Gibellina ’68, Otto minuti dopo le tre
Fabio Itri, Scomparsi/Their bodies will never be found (Menzione)
Maddalena Migliore, Rise Up! (Menzione)
Claudio Majorana, Head of the Lion (Menzione)

Workshop
Slideluck, Maria Teresa Salvati

2016

Il Linguaggio del Territorio

Il Linguaggio del Territorio

Volontà dell'edizione della V edizione è costruire un racconto visivo dell’area mediterranea che, attraverso i differenti linguaggi della fotografia, associa le diversità culturali alle trasformazioni che investono il territorio. Nella riflessione la parola linguaggio assume un duplice significato. Da una parte in quanto modalità di espressione artistica, dall’altra è strumento per riportare i messaggi che il territorio comunica.

Curatori
Giorgio Barrera
Stefania Paxhia

Mostre
Olivo Barbieri, Seascape
Tony Andrè, Palmira
Moira Ricci, Da buio a buio
Nicolò Degiorgis, Hidden Islam
Nikolas Ventouralis, The Banality of the Avant-Garde
Collettiva studenti Accademia Belle Arti di Catania curate da Rosario Antoci, Caos in LOGOS
Alterazioni Video, Incompiuto Ibleo

Tributo a Mario Dondero

Critici e Lettori
Daniele De Luigi, curator and teacher
Renata Ferri, IoDonna 

Flavio Franzoni, Micamera 

Giulia Zorzi, Micamera

Workshop
L’autoproduzione del libro, Bruno Cheschel
Workshop Multidisciplinare di Turbo Progettazione, Alterazioni Video

2015

Mediterraneo

Mediterraneo

L'isola maggiore del Mediterraneo diviene parte per un tutto più grande, luogo d'elezione per raccontare non solo se stesso, ma il mare e i paesi che la circondano, il passato e soprattutto il presente. La documentazione fotografica propone un viaggio visivo che spazia dalle prime preziose immagini della storia della fotografia dei secoli scorsi raccontata delle immagini dei primi viaggiatori che scendevano dal Nord Europa con i loro taccuini e album da disegno per acquarello, al fotogiornalismo d’attualità e alla ricerca contemporanea.

Curatori
Roberto Mutti
Mariachiara Di Trapani
Stefania Pahxia

Mostre
Gabriele Basilico, Iran 1970
Letizia Battaglia, Diario
Mario Cresci, Prendersi il tempo
Davide Monteleone e Francesco Zizola, Abbandoni
Alessandro Penso, Lost Generation
Dal Vesuvio all’Etna, uomo e natura nella fotografia fin de siècle
Francesca Volpi, Best Ucraina (Premio Portfolio 2014)

Salvo Buffa, Hasankeyf the drowning village (Premio Portfolio 2014)
Francesco Francaviglia, Donne del digiuno (Premio Portfolio 2014)

Sezione OFF
curata dalle docenti Paola Binante e Lucia Miodini
Gruppo “Renvois”, studenti ISIA di Urbino e Accademia delle Belle Arti di Bologna,
 Javier Marcelo Cabrera – Ragusa, Sonia Magi – Pesaro, Kimberley Ossani – Berlino, Peppe Perfetto – Napoli, Andrea Scarfò – Scicli, Confini d’acqua
Collettiva studenti Accademia delle Belle Arti di Catania, Uno sguardo sul Mediterraneo

Critici e Lettori
Emilio D’Itri, Officine Fotografiche
Lina Pallotta, fotografo e docente
Laura Incardona, curatore indipendente
Mario Peliti, curatore e collezionista
Alessandro Penso, fotografo

Premio Portfolio
Marzia Trovato
Melissa Carnemolla

Workshop
Il ritratto tra storytelling e fine art, Roberta Tocco
La gestione della luce nel ritratto, Marcello Bocchieri
Laboratorio di fotografia per bambini, Manuela Vargetto

2014

Dire Fare Mangiare

Dire Fare Mangiare

Nel 1827 Nicéphore Niepce realizza in eliografia quella che può considerarsi una delle prime immagini fotografiche della storia. Il soggetto era una tavola ben apparecchiata con una pagnotta e una bottiglia di vino che rappresentava la presenza degli alimenti. Antico è, dunque, il connubio che lega la fotografia al cibo, producendo nel tempo immagini di grande bellezza e di seducente estrosità. Gli autori coinvolti nelle mostre e negli incontri, in alcuni casi importanti esponenti della storia della fotografia contemporanea, in altri casi professionisti di valore, oltre a giovani esordienti di talento affrontano il tema, scelto per Expo Milano 2015, da diversi punti di vista estetico, sociale, etico.

Curatori
Roberto Mutti
Stefania Paxhia

Mostre
Nino Migliori, La morte della natura
Maurizio Galimberti, La Vucciria
Silvia Amodio, Deo Gratias
Carmen Mitrotta, Death Foods for New Worlds
Umberto Agnello, Organica
Raul Iacometti, Botteghe
Carlo Giunta , Sguardi Appetibili
Daniele Cascone, Remembrance
Oss#3, Hunger
Orazio Di Mauro, La speranza non deve essere mai abbandonata
Turiana Ferrara, Il fiume del sale

Critici e Lettori
Emilio D’Itri, Fotoleggendo
Maurizio Garofalo, photo editor 

Marco Pinna, National Geographic
Chiara Oggioni Tiepolo, Mediaset

Premio Portfolio
Salvatore Buffa, Hasankeyf: il villaggio che affoga

Francesca Volpi, Est Ukraina

Workshop
A Personal Distance, Davide Monteleone

Progettazione editoriale, autoprodurre il proprio fotolibro, M. Rosaria Digregorio

Fotografia analogica in bianco e nero, Angelo Camillieri
Still life nella fotografia food, Carlo Giunta

2013

Luce dal Sud: Abitare la Catastrofe

Luce dal Sud: Abitare la Catastrofe

Malgrado le diversità di razze, culture e religioni che dal Mediterraneo sprofondano verso la vastità dell’Africa, un identico modello di vita sta plasmando l’esistenza delle popolazioni che lì vivono. Animati da questa consapevolezza, i fotografi mettono a fuoco la figura reale dell’umanità contemporanea. Le immagini rivelano le trame sensibili, spesso invisibili, che ogni giorno tessono il presente di ogni uomo nel mondo: l’irrimediabile evento del terremoto nella città sospesa de L’Aquila, l’apparire contemplativo dell’infinito del mare tra le desolate edificazioni delle isole mediterranee, le consolanti scene di vita quotidiana in Angola, l’operosa dignità che emerge dagli slum di Nairobi, la tragedia della guerra e dell’inquinamento che porta il petrolio nel delta del Niger.

Curatori
Giovanni Chiaramonte
Stefania Paxhia

Mostre
Gabriele Basilico, Prologo delle esposizioni
Mario Dondero, La Spagna al tempo di Franco
Giuseppe Leone, Identità Siciliana
Franco Mascolo, Isole del Mediterraneo
Silvia Morara, Nulla accade, tutto accade in Angola
Michele Nastasi, Città sospesa. L’Aquila
Filippo Romano, Atlante del Ghetto: Nairobi
Ivo Saglietti, H2O: Delta del Niger
Melissa Carnemolla, L’oblio del quotidiano (Premio Portfolio 2012)
Simone Sapienza, Fatih Belediyesi (Premio Portfolio 2012)

Critici e Lettori
Emilio D’Itri, Fotoleggendo
Marco Pinna, National Geographic
Roberto Mutti, La Repubblica
Ivo Saglietti, fotografo

Premio Portfolio
Orazio Di Mauro
Turiana Ferrara

2012

Sicilia e Fotografia

Sicilia e Fotografia

Nasce a Ragusa la prima manifestazione internazionale di fotografia in Sicilia, nella città più barocca d’Italia. Dedicata al noto autore ed editore palermitano Enzo Sellerio, la prima edizione apre celebrando la fotografia siciliana con ospiti tra i più importanti autori nel panorama nazionale e internazionale e dando vita a una tre giorni di confronti e seminari seguiti da tantissimi giovani talenti e appassionati. Aprono le porte a turisti e amanti della fotografia, alcuni tra i palazzi più suggestivi e rappresentativi del barocco ibleo patrimonio Unesco, l’auditorium San Vincenzo Ferreri, la chiesa di Santa Teresa e Palazzo Cosentini.

Curatori
Maurizio Garofalo
Stefania Paxhia

Mostre
Enzo Sellerio, Motu proprio
Giovanni Chiaramonte, Dolce è la luce
Giuseppe Leone, Altri volti
Tano D’Amico, Il mio paese
Fausto Giaccone, Macondo – Il mondo di Gabriel García Márquez
Gianni Cipriano, Perfect – La più grande perfezione è l’imperfezione
Alfredo D’Amato, Early days of Spring
Mimì Mollica, En route to Dakar
Shobha Battaglia, Quando l’acido sfigura anche l’anima
Giovanni Verga, Giovanni Verga, scrittore e fotografo

Critici e Lettori
Emilio D’Itri, Fotoleggendo
Tiziana Faraoni, L’Espresso
Maurizio Garofalo, photo editor
Roberto Mutti, La Repubblica
Eva Zamboni, photo editor

Premio Portfolio
Simone Sapienza, Gente misteriosa
Melissa Carnemolla, Assilem
Domenico Cipollini, ANAS (Menzione)